Nicola Fano

teatro e altre cose

La memoria di uno spettatore

Mio padre è stato partigiano, suo padre fece la guerra d’Africa; la prima, quella del 1912. L’altro mio nonno si trovò a Caporetto quando non avrebbe dovuto: salvo la pelle e questo è già molto. Poi fu nel battaglione di bersaglieri motorizzati (avevano la bicicletta) che entrarono a Trento il quattro novembre, il giorno della vittoria. Tornò indietro con un ferro di mulo piegato; ora lo conservo io. Io sono un uomo del Novecento che si è adattato al Duemila. Da ragazzo pensavo: «Nel Duemila avrò quarantun anni, sarò vecchio». Un po’ è andata così perché il Duemila ci ha fregati tutti noi che ci siamo formati – con passione – nel cuore del Novecento. Figurarsi uno come me che con due generazioni è nel cuore dell’Ottocento!


Posted in teatro | 1 Comment

One Response to La memoria di uno spettatore

  1. Questo intervento è molto scritto come si deve, nello stesso modo in cui tutto il il blog
    generalmente. Son un assiduo lettore, complimenti grazie
    il webmaster di traslochi Catania.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>